Adesso santésuisse parla anche italiano

In qualità di associazione nazionale santésuisse mette a disposizione i contenuti più importanti -  comunicati stampa, documentazioni sulle conferenze stampa, pareri espressi in fase di consultazione, newsletter per i parlamentari – anche in italiano.

I nostri specialisti e addetti stampa  restano a disposizione per rispondere alle vostre domande.


08.12.2017
Consultazione

santésuisse chiede un elenco nazionale degli interventi da eseguire a livello ambulatoriale

santésuisse sostiene l'attuazione degli interventi che si possono svolgere ambulatorialmente e che invece oggi si effettuano a livello stazionario. Chiede inoltre una regolamentazione nazionale per promuovere il trasferimento dei trattamenti stazionari al settore ambulatoriale. santésuisse si oppone ai differenti elenchi cantonali che, oltretutto, comportano disuguaglianze di trattamento tra i pazienti. Per evitare ulteriori premi nell'assicurazione di base a seguito del trasferimento, occorre introdurre quanto prima il finanziamento uniforme per tutte le prestazioni. La riduzione degli incentivi tariffali sbagliati garantisce che la decisione di attuare un intervento a livello ambulatoriale sia presa in base a indicazioni esclusivamente mediche.


28.11.2017
Focus politica sanitaria

Focus - politica sanitaria 4/2017

Razionamento con budget globali - Invece di una carenza dobbiamo aspettarci un eccesso di Medici - Ambulatoriale prima di ospedaliero


03.11.2017
Comunicato stampa

Regioni di premio in funzione dei costi: decisione importante

La Commissione della sanità del Consiglio nazionale (CSS-CN) esercita pressione politica affinché le regioni di premio vengano definite anche in futuro sulla base delle differenze di costo dei Comuni e ha dato seguito alla relativa iniziativa parlamentare presentata da Andreas Aebi.


31.10.2017
Conferenza stampa

Congresso di novembre 2017: Il campanilismo cantonale genera un'offerta eccedentaria sbagliata

santésuisse chiede modelli sovraregionali per le prestazioni nel settore ambulatoriale, in particolare per quanto concerne le attività dei medici specialisti. Le regioni sanitarie e i flussi dei pazienti non si fermano ai confini cantonali e vanno tenuti in considerazione in maniera adeguata. L'allentamento dell'obbligo di contrarre, unito a una nuova politica tariffale per medici e ospedali, potrà contribuire significativamente ad attenuare il problema dell'offerta eccedentaria di prestazioni sanitarie nelle regioni interessate dal fenomeno.


30.10.2017
Consultazione

Diritto esecutivo legge sugli agenti terapeutici: santésuisse sostiene gli adeguamenti dell'ordinanza in molti punti, ma chiede di evitare una regolamentazione eccessiva

santésuisse sostiene in molti punti gli adeguamenti dell'ordinanza sul diritto esecutivo della legge sugli agenti terapeutici (LATer). I vari adeguamenti delle ordinanze comportano tuttavia il pericolo che l'eccessiva regolamentazione crei incentivi sbagliati e che si rendano necessarie spese inutili e senza valore aggiunto. Ciò va evitato nella misura del possibile. disponibile solo in tedesco


26.10.2017
Comunicato stampa

Budget globali: soluzioni avventate a scapito dei pazienti

Un gruppo di esperti insediato dal Dipartimento federale dell'interno (DFI) sottopone al Consiglio federale una serie di proposte per contenere l’incremento dei costi nella sanità pubblica. La proposta dagli effetti più dirompenti per la popolazione è forse quella che prevede l'introduzione di uno stanziamento globale di bilancio per frenare le spese sanitarie. La Germania e i Paesi Bassi sono l'esempio lampante di come gli effetti di una simile misura ricadano sulle spalle dei pazienti, perché favoriscono le misure di razionamento e la medicina a due velocità a discapito della qualità. FMH, H+, Interpharma, pharmaSuisse, OSP e santésuisse respingono gli interventi approssimativi dalle prevedibili conseguenze negative per i pazienti e propongono invece di adottare il finanziamento uniforme delle prestazioni ambulatoriali e stazionarie per sfruttare il potenziale di risparmio a disposizione.


24.10.2017
Consultazione

santésuisse sostiene l’introduzione di formati di scambio elettronico per la cartella informatizzata del paziente (CIP)

disponibile solo in tedesco santésuisse sostiene l’introduzione di formati di scambio elettronico nell’ambito della cartella informatizzata del paziente (CIP). I formati di scambio favoriscono il trattamento rapido, efficace e largamente automatizzato di dati e informazioni nei settori delle vaccinazioni, dei medicinali e delle analisi di laboratorio. In tal modo, forniscono un contributo sostanziale al miglioramento della prevenzione in materia di vaccinazioni, nonché all’aumento della sicurezza, della qualità e dell’efficacia della diagnosi e del trattamento. Viceversa, santésuisse non comprende il motivo per cui non possa utilizzarsi il numero d’identificazione del paziente, creato specialmente nel contesto del CIP ai sensi dell’art. 4 LCIP. L’assenza di una chiara determinazione del un numero d’identificazione del paziente da utilizzare è contraria ai principi di standardizzazione dei formati di scambio elettronico. Nel caso di numeri di identificazioni differenti, sussiste il rischio di confusione o di conflitti di dati.


20.10.2017
Consultazione

Adeguamento della franchigia all’andamento dei costi: santésuisse chiede di portare la franchigia minima a 600 franchi

santésuisse sostiene l’adeguamento delle franchigie all’andamento dei costi. Per rafforzare l’autoresponsabilità, santésuisse propone di portare, in un primo passo, la franchigia ordinaria da 300 a 600 franchi. Per garantire la certezza del diritto è inoltre necessario sancire per legge il meccanismo che regola l’adeguamento delle franchigie all’andamento dei costi. disponibile solo in tedesco


19.10.2017
Consultazione

Gestione delle autorizzazioni dei medici: santésuisse respinge la proposta del Consiglio federale

La proposta del Consiglio federale sulla gestione strategica delle autorizzazioni dei medici non soddisfa il mandato del Parlamento. Mancano le alternative alla gestione delle autorizzazioni in vigore e le disposizioni all’indirizzo dei Cantoni per la gestione sovracantonale. santésuisse respinge la proposta nella sua attuale formulazione. disponibile solo in tedesco


19.10.2017
Comunicato stampa

Inefficace e poco equilibrata

La proposta del Consiglio federale sulla gestione strategica delle autorizzazioni dei medici non soddisfa il mandato del Parlamento. Mancano le alternative alla gestione delle autorizzazioni in vigore e le disposizioni all'indirizzo dei Cantoni per la gestione sovracantonale. santésuisse respinge la proposta nella sua attuale formulazione.


12.10.2017
Consultazione

Compensazione dei rischi nell’assicurazione malattie : santésuisse è d’accordo con le modifiche dell’ordinanza

Disponibile solo in tedesco: Le modifiche dell’ordinanza sono di natura tecnica e costituiscono le direttive legali dell’ordinanza sulla compensazione dei rischi nell’assicurazione malattie (OCoR). santésuisse è d’accordo con la maggior parte degli adeguamenti. Il DFI però non dovrebbe possedere la competenza esclusiva di redigere l’elenco PCG, ma dovrebbe essere coadiuvato da un organismo neutrale che prepari una bozza tenendo conto delle richieste, e sia anche in grado di mettere a frutto le più recenti conoscenze scientifiche.


11.10.2017
Consultazione

santésuisse rifiuta una raccolta estesa dei dati da parte dell’UFSP

Disponibile solo in tedesco: santésuisse rifiuta l’ampliamento della raccolta di dati personali anonimizzati (BAGSAN) con i nuovi moduli EFIND 3-6. santésuisse ritiene che il coacervo di dati EFIND non assicura le conoscenze descritte dall’UFSP. Anche senza il numero AVS, sussisterebbe un considerevole rischio per gli assicurati che i dati pluriennali permettano di creare dei veri e propri profili e di individuare la persona. La raccolta dei dati centralizzata a livello federale rappresenterebbe anche un grande rischio in quanto potrebbe risultare particolarmente appetibile per gli hacker. Inoltre, per i piccoli assicuratori malattie le necessarie spese aggiuntive sarebbero eccessive o comunque non redditizie. Se, invece, venisse richiesta una raccolta di dati chiara, destinata a uno scopo specifico e plausibile, santésuisse sarebbe pronta a consigliarla ai suoi membri. Un esempio potrebbe essere il monitoraggio dell’ultimo intervento del Consiglio Federale sulla TARMED.


11.10.2017
Consultazione

Cantoni di Basilea Città e Basilea Campagna: santésuisse valuta in modo critico la creazione di un’assistenza sanitaria comune e di gruppi ospedalieri SA

Disponibile solo in tedesco: santésuisse ritiene che la creazione di un’assistenza sanitaria comune nonché di un nuovo gruppo ospedaliero non conduca a un’assistenza sanitaria ottimale, in quanto la concorrenza ospedaliera viene ridotta e, da sola, la fusione ospedaliera non contribuisce a un’offerta orientata ai bisogni. Un’ottimizzazione dell’assistenza sanitaria e dei risparmi, a vantaggio di coloro che pagano i premi, si può ottenere solo attraverso una pianificazione ospedaliera congiunta, coordinata a livello sovracantonale. I costi vengono diminuiti solo se la fusione prevede la chiusura di sedi, altrimenti laddove gli ex ospedali indipendenti continuino la loro attività, non si ottiene alcuna riduzione dei costi stessi.


10.10.2017
Consultazione

Canton Friburgo: presa di posizione di santésuisse sulla pianificazione dell’assistenza a lungo termine 2016 – 2020

Disponibile solo in tedesco: Secondo santésuisse, il punto della situazione e la programmazione dei bisogni sono verificabili e realistici. Nel rapporto, però, non è dato sapere in quale misura la pianificazione sia stata coordinata con i vicini Cantoni di Berna e di Vaud, nonché il tasso di occupazione dei posti letto negli istituti di assistenza a lungo termine all'interno del Cantone o fuori dai suoi confini. Secondo le cifre pubblicate dall’UST, il tasso di occupazione dei posti letto nelle case di cura del Canton Berna adiacente è notevolmente inferiore rispetto a quello del Canton Friburgo. Una cooperazione intercantonale potrebbe essere ben utile.


29.09.2017
Comunicato stampa

Ostinazione pervicace

I promotori dell’iniziativa cercano di rendere appetibile, con promesse perlomeno dubbie, una variante cantonale della cassa unica. Eppure sono passati solo tre anni dal netto rifiuto espresso verso la cassa unica. Dobbiamo supporre che si tratti di mera ostinazione politica che non vuole accettare la volontà popolare. Invece di ridurre i costi, le cosiddette casse di compensazione cantonali, statalizzate, non faranno altro che rinvigorire gli attuali conflitti d’interesse nei Cantoni, e quindi alimentare ancora di più gli incentivi sbagliati.


28.09.2017
Comunicato stampa

I premi 2018 aumentano come preventivato

Il Consiglio federale ha tenuto conto delle perplessità espresse dagli assicuratori malattia e rinuncia a mantenere artificiosamente bassi i premi.


26.09.2017
Conferenza stampa

I costi continuano a salire - l'intervento tariffale del Consiglio federale si dimostra di dubbia efficacia

Nel 2016 i costi nell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) sono saliti del 3,8 per cento per persona assicurata. In considerazione della lieve crescita dei salari e del rincaro, questo incremento a carico degli assicurati che persevera ormai da anni desta più di qualche preoccupazione. Nel 2016 sono stati i costi nel settore ambulatoriale ospedaliero a registrare l'aumento più consistente, ossia dell’8,0 per cento, tra i gruppi di costo più importanti. santésuisse ritiene che l'intervento tariffale del Consiglio federale nel settore delle prestazioni ambulatoriali non produrrà nessun effetto calmierante sui costi nel 2018.


19.09.2017
Focus politica sanitaria

Focus - Politica sanitaria 3/2017

Discutibile e incomprensibile --- Patchwork burocratico, occasione mancata --- I pazienti non restano nei confini cantonali


15.09.2017
Comunicato stampa

Le cliniche psichiatriche ritardano l’introduzione del nuovo sistema tariffario TARPSY

I partner tariffali hanno accettato una convenzione tariffale comune, cosicché niente dovrebbe intralciare l’introduzione della TARPSY dal 1° gennaio 2018. Inoltre, le cliniche psichiatriche dovrebbero fornire in tempo utile i dati TARPSY a tarifsuisse. Ad oggi, tarifsuisse ha ricevuto meno del dieci per cento dei dati richiesti.


01.09.2017
Consultazione

Canton Obvaldo: adeguamento dell’ordinanza concernente lo scambio automatico dei dati ai sensi dell’articolo 64a LAMal per gli assicurati in mora

santésuisse accoglie con favore l’adeguamento dell’ordinanza sullo scambio automatico dei dati ai sensi dell’articolo 64a LAMal per gli assicurati in mora. Il concetto sullo scambio dei dati elaborato da santésuisse e CDS è stato accolto nelle direttive cantonali.


01.09.2017
Consultazione

Canton Soletta: modifica della legge sociale; finanziamento dei costi residui per le cure ambulatoriali

santésuisse sostiene la modifica della legge sociale per regolamentare il finanziamento dei costi residui per le cure ambulatoriali, fatta eccezione per il previsto conteggio dei costi per il tragitto e la durata del tragitto. Il messaggio prevede che i costi per il tragitto e per la durata del tragitto siano considerati soltanto per un terzo nei costi standard mentre i rimanenti due terzi vadano addebitati ai pazienti. Questa regolamentazione contravviene alla protezione tariffale ai sensi dell’articolo 44 LAMal. I costi per il tragitto e la durata del tragitto sono parte integrante dei contributi finanziari degli assicuratori malattia. Al paziente non vanno quindi addebitati ulteriori costi per il tragitto e la durata del tragitto.


31.08.2017
Comunicato stampa

Gli assicuratori malattia svizzeri lanciano una nuova piattaforma informativa per gli assicurati

Dedicato interamente agli assicurati, il portale www.parliamo-assicurazione-malattia.ch fornisce loro tutte le informazioni utili per comprendere meglio il sistema sanitario e l’assicurazione malattia in Svizzera. La decisione di informare l’opinione pubblica sul servizio sanitario scaturisce dal mandato di legge.


22.08.2017
Consultazione

Canton Vallese: santésuisse si oppone alla gestione cantonale dell’autorizzazione di apparecchiature mediche pesanti

santésuisse ritiene che la regolamentazione delle apparecchiature mediche pesanti da parte del Cantone non sia il modo giusto per contenere i costi. Nonostante la gestione cantonale e l’eventuale limitazione dell’offerta, i cittadini residenti nel Canton Vallese possono far ricorso alla diagnostica per immagini anche fuori dei confini cantonali. Occorre intervenire sulle tariffe. Infatti, una struttura tariffale appropriata nel campo della diagnostica per immagini può eliminare gli attuali incentivi sbagliati e quindi ridurre anche il problema dell’offerta eccedentaria di prestazioni sanitarie.


18.08.2017
Comunicato stampa

Gli assicuratori malattia invitano a non farsi troppe illusioni

In linea di principio, santésuisse accoglie positivamente l'intervento del Consiglio federale per adeguare la struttura tariffale nel settore ambulatoriale. Tuttavia, santésuisse considera criticamente la richiesta del Consiglio federale di imporre agli assicuratori malattia di considerare le riduzioni tariffali già nella determinazione dei premi 2018. Un approccio sbagliato sotto l'aspetto economico. Bisogna conoscere i risparmi effettivamente ottenuti prima di procedere alla riduzione dei premi.


13.07.2017
Comunicato stampa

L’impennata dei costi dovuta soprattutto agli ambulatori ospedalieri e agli studi medici

I costi della salute sono aumentati anche nel 2016. Con un incremento del 4,9 per cento rispetto all’anno precedente, i costi della salute a carico dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie hanno toccato quota 31,6 miliardi di franchi. Per finanziarli, gli assicurati sono costretti a sborsare sempre più denaro, e le prospettive future non sono per nulla incoraggianti. Infatti, per l’anno in corso si prevede un’ulteriore impennata.


07.07.2017
Comunicato stampa

TARPSY: assieme all'associazione degli ospedali gli assicuratori malattie spianano la strada alla tariffa stazionaria di psichiatria

curafutura e santésuisse, come pure H+ Gli Ospedali Svizzeri hanno raggiunto un accordo su una convenzione tariffale per l'introduzione di TARPSY. Non sussistono dunque più ostacoli all'introduzione, dal 1° gennaio 2018, di forfait per giornata orientati alle prestazioni nella psichiatria stazionaria (TARPSY). Con questo accordo i fornitori di prestazioni e gli assicuratori danno un segnale positivo a favore di soluzioni partenariali in un partenariato tariffale funzionante.


07.07.2017
Consultazione

Parere di santésuisse sulle modifiche dell’ordinanza sull’assicurazione malattie (OAMal) in tema di collaborazione transfrontaliera / progetti pilota, divisibilità dei premi, articolo 64a LAMal, correzione dei premi

Come espresso nella sua presa di posizione, santésuisse chiede adeguamenti e precisazioni sulle previste modifiche. Per esempio nell’art. 36b cpv. 4 nel caso in cui le persone residenti in uno Stato extra-UE, in Islanda o Norvegia, ma assoggettate all’assicurazione svizzera, si sottopongano a cura ospedaliera stazionaria in Svizzera. Gli assicuratori malattia pretendono che il Cantone si assuma anche in questo caso la quota cantonale senza imputarla agli assicuratori.


05.07.2017
Comunicato stampa

La gestione delle autorizzazioni dei medici degenera in 26 mostri burocratici

La proposta del Consiglio federale per gestire le autorizzazioni dei medici si rivela poco coraggiosa e non offre miglioramenti sostanziali rispetto alla regolamentazione vigente. Anzi, il Consiglio federale non tiene conto della volontà del Parlamento, che da anni insiste per avere delle vere alternative. Ed invece, adesso spetterà ai Cantoni fissare il numero massimo per specialità mediche allo scopo di contrastare l’eccessiva copertura sanitaria.


28.06.2017
Comunicato stampa

Schiaffo agli assicurati che dimostrano maggiore attenzione ai costi

santésuisse respinge la riduzione degli sconti massimi sulle franchigie più alte perché in questo modo il Consiglio federale penalizza in modo particolare gli assicurati che dimostrano maggiore responsabilità individuale. Questo è un segnale poco rassicurante per l’evoluzione dei costi nel settore della sanità pubblica.


27.06.2017
Consultazione

Canton Nidvaldo: santésuisse disapprova il rapporto di pianificazione 2015-2030 sull’assistenza ospedaliera

santésuisse non può approvare il rapporto di pianificazione. Tra le altre cose, non si illustra con la necessaria adeguatezza la necessità di un nuovo mandato di prestazione al Bürgenstock Resort Lake Lucerne nell’ambito della riabilitazione. Inoltre, il processo che ha portato all’attribuzione di questi mandati di prestazione manca della necessaria chiarezza.


26.06.2017
Consultazione

santésuisse approva il progetto del Consiglio federale concernente l’ordinanza sulla registrazione delle malattie tumorali (RMT)

santésuisse sostiene l’obbligo di registrare le malattie tumorali e si ripromette da essa un notevole miglioramento della qualità nelle terapie antitumorali. Allo stesso modo santésuisse approva il coordinamento tra i differenti registri dei tumori cantonali e l’unificazione dei dati a livello federale.


23.06.2017
Consultazione

santésuisse approva in linea di principio l’intervento del Consiglio federale nella tariffa medica TARMED

In linea di principio, santésuisse accoglie favorevolmente l’intervento del Consiglio federale nella tariffa medica ambulatoriale TARMED. Giudica positivamente alcune misure proposte per rendere più trasparente la fatturazione ai pazienti e la conversione in minutaggio delle prestazioni basate sull’attività e la maggiore precisazione della posizione „prestazioni in assenza del paziente“. Il Consiglio federale ritiene però che TARMED debba restare una tariffa per singola prestazione con tutti i difetti inerenti a una simile tariffa. L’attuale struttura tariffale basata sulla singola prestazione è tra le cause della lievitazione dei costi che perdura ormai da molti anni nel settore ambulatoriale, perché offre incentivi sbagliati per quanto concerne l’efficienza, la qualità e le modalità di fatturazione. Per gli interventi frequenti, i forfait restano la soluzione da preferire alla semplice addizione di numerose singole posizioni tariffali per lo steso intervento. Struttura tariffale fisioterapia: santésuisse giudica giuste e necessarie le modifiche e le integrazioni proposte, perché servono a migliorare la comprensibilità e la trasparenza della struttura tariffale. L’indicazione del tempo di trattamento sul conteggio è utile anche per il paziente, perché gli permette di controllare meglio sulla fattura la prestazione dispensata.


22.06.2017
Comunicato stampa

Più competizione su qualità e prezzo, meno campanilismo cantonale

La maggiore mobilità spinge i pazienti a fruire di cure mediche ambulatoriali fuori del proprio Cantone di domicilio. Lo si evince da uno studio di santésuisse sulla struttura dei flussi di pazienti che, per la prima volta, tiene in considerazione gli ambulatori ospedalieri in Svizzera.


31.05.2017
Consultazione

Canton Uri: parere di santésuisse sul disegno di ordinanza concernente l’indennità di picchetto per le levatrici

L’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie non si fa carico del servizio di picchetto delle levatrici. santésuisse ricorda che tra Federazione svizzera delle levatrici e tarifsuisse ag sono in corso trattative per una nuova convenzione tariffale. La bozza della convenzione prevede una remunerazione più adeguata dell’indennità di durata del tragitto per le levatrici.


31.05.2017
Focus politica sanitaria

Focus - Politica sanitaria 2/2017

Investire in qualità ed efficienza --- Niente di nuovo sul fronte occidentale --- Il campanilismo cantonale ostacola le riforme


31.05.2017
Consultazione

santésuisse accoglie positivamente la revisione della LPGA

santésuisse e gli assicuratori malattia aderenti accolgono con favore la revisione della legge sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali (LPGA). L’introduzione di una norma specifica offrirà finalmente la base legale per mettere sotto sorveglianza le persone sospettate di ottenere con l’inganno prestazioni assicurative non dovute.


22.05.2017
Comunicato stampa

Sì alle cure ambulatoriali, ma non a scapito di chi paga i premi

Finanziare le prestazioni dell'assicurazione malattie secondo lo stesso modello frena gli incentivi sbagliati e riduce i costi. Un obiettivo ampiamente condiviso, ma che la Confe-renza dei direttori cantonali della sanità (CDS) respinge di fatto con la decisione presa nella giornata 19 maggio 2017. Il trasferimento delle cure stazionarie a quelle ambulato-riali grava in modo unilaterale sugli assicurati. Ai Cantoni non si forniscono invece gli in-centivi efficaci per arginare i costi negli ambulatori ospedalieri, che da anni ormai sono la causa primaria della lievitazione dei costi a carico di chi paga i premi. La decisione della CDS non mette di certo la parola fine al dibattito incentrato su questo argomento.


21.04.2017
Comunicato stampa

Inoltrata domanda all'UFSP per ridurre i prezzi dei mezzi ausiliari medici

santésuisse ha raffrontato i prezzi praticati all'estero per i prodotti per l'incontinenza, per gli apparecchi per misurare la glicemia e per i respiratori. Il risultato è degno di nota: in queste tre categorie di prodotti è possibile risparmiare ben 34 milioni di franchi senza che i pazienti debbano sacrificare nulla alla qualità. santésuisse ha presentato all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) una richiesta di riduzione dei prezzi per non obbligare chi paga i premi a farsi inutilmente carico di costi eccessivi.


21.04.2017
Consultazione

Canton Uri: santésuisse giudica positivamente la modifica dell’ordinanza sul mancato pagamento dei premi e delle partecipazioni ai costi

Nel suo parere concernente la prevista modifica dell’ordinanza e del regolamento del Consiglio di Stato urano sul mancato pagamento dei premi e delle partecipazioni ai costi, santésuisse giudica positivamente il riferimento al progetto di santésuisse e CDS sullo scambio dei dati concernenti l’articolo 64a LAMal. Il concetto sullo scambio dei dati si rispecchia in particolare nelle direttive cantonali.


10.04.2017
Consultazione

La revisione totale della legge sulla protezione dei dati comporta un maggior onere amministrativo senza alcun vantaggio per gli assicurati

santésuisse disapprova la revisione della legge sulla protezione dei dati nella sua formulazione attuale. Il progetto adotta soprattutto le nuove formulazioni e definizioni dell’area europea senza introdurre novità sostanziali nel diritto attuale. La revisione delle norme in materia di protezione dei dati comporta soltanto un maggior onere amministrativo per gli assicuratori malattia senza un’utilità tangibile per gli assicurati.


10.04.2017
Consultazione

Canton Vaud: santésuisse giudica criticamente l’istituzione di regioni di salute

santésuisse ritiene che l’istituzione di regioni di salute nel Canton Vaud non sia uno strumento efficace per ridurre i costi, poiché si introduce un nuovo livello amministrativo con un maggior dispendio in termini di coordinamento. In questo modo il paziente vede limitata la libera scelta del fornitore di prestazioni sancita nella LAMal.


06.04.2017
Conferenza stampa

Confronto con i prezzi dei medicinali all’estero: differenza di prezzo del 14% per i medicinali protetti da brevetto, differenza di prezzo del 53% per i generici

A settembre del 2016 il livello dei prezzi dei medicinali protetti da brevetto era, in base al tasso di cambio di CHF/EUR 1.07 applicato dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), più alto del 14% rispetto a quello dei nove paesi di riferimento. I farmaci originali con brevetto scaduto erano più cari del 20% rispetto alla media dei paesi di riferimento. Per i generici la differenza, pari al 53%, rimane alta. Ciò emerge da uno studio di confronto internazionale tra i prezzi dei farmaci condotto per l’ottava volta congiuntamente da santésuisse e Interpharma.


22.03.2017
Comunicato stampa

Il Consiglio federale rimaneggia il TARMED, ma la tariffa per singola prestazione resta in vigore

Nel quadro della sua competenza sussidiaria, il Consiglio federale ha deciso oggi di in-tervenire nella tariffa per le prestazioni mediche ambulatoriali TARMED. L’intervento è teso a ridurre i costi delle prestazioni mediche ambulatoriali negli studi medici e negli ospedali. I partner tariffali santésuisse e fmCh Tarifunion dubitano però che mantenendo in vigore una tariffa molto differenziata per singola prestazione si possa arrivare a una riduzione significativa dei costi. Con l’introduzione dei forfait per le prestazioni ambula-toriali il Consiglio federale avrebbe avuto l’opportunità di presentare una soluzione molto più efficace in chiave futura.


21.03.2017
Comunicato stampa

Spitalfinder raffronta anche le cliniche di psichiatria e di riabilitazione

Adesso gli assicurati e i consumatori possono informarsi sulla qualità delle cliniche di psichiatria e quelle di riabilitazione. Nel motore di comparazione si sono integrate un centinaio di nuove diagnosi/interventi negli ospedali acuti, per esempio i tagli cesarei o i trapianti.


21.03.2017
Consultazione

Canton Grigioni: revisione della legge sulla cura degli ammalati

santésuisse salute con favore la revisione della legge sulla cura degli ammalati che abbraccia sostanzialmente i seguenti elementi: 1) finanziamento dell’onere di cura e assistenza dispensata alle persone residenti in case per anziani e in case di cura che necessitano di un elevato grado di cure e/o assistenza; 2) tutti i Comuni rientrano in una regione di pianificazione; 3) il sistema di fabbisogno di cure viene portato da 16 a 12 livelli.


03.03.2017
Consultazione

Canton Svitto: parere di santésuisse sulla decisione del Gran Consiglio concernente la riduzione dei premi

santésuisse accoglie positivamente l’indirizzo del progetto. A beneficiare dei mezzi finanziari resi disponibili grazie alla riforma devono essere, perlomeno in parte, gli diritto che versano in condizioni economiche modeste e i minorenni e giovani adulti in formazione.


03.03.2017
Focus politica sanitaria

Focus - Politica sanitaria 1/2017

Peggio del testa o croce --- Non si salta nel buio! --- Misurare la qualità anche delle prestazioni ambulatoriali


03.03.2017
Consultazione

Parere di santésuisse sulla modifica dell’ordinanza sui trapianti

santésuisse appoggia la modifica dell’ordinanza sui trapianti con alcune richieste di concretizzazione. Mancano tra le altre cose la regolamentazione chiara nel caso in cui il donatore cambia assicuratore o la verifica più precisa delle relazioni tra costi delle cure e assistenza postoperatoria nonché del ruolo dei medici di famiglia.


03.02.2017
Comunicato stampa

La qualità delle prestazioni mediche deve essere trasparente

La Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale (CSSS-N) ha adottato alcune decisioni significative a favore delle prestazioni mediche di elevata qualità. Facendo proprie tali risoluzioni, il Parlamento contribuirà a dare una svolta positiva al nostro sistema sanitario in termini di efficienza. Oggi si dispensano troppe prestazioni inutili o la cui efficacia è controversa. Prestazioni che provocano costi quantificabili in parecchi miliardi di franchi senza alcun valore aggiunto per il paziente, ma che pesano sulle tasche degli assicurati e dei contribuenti.


02.02.2017
Comunicato stampa

Il prezzo dei medicamenti rischia di salire ancora di più

l Consiglio federale ha comunicato di voler riprendere il riesame periodico dei prezzi dei medicamenti. Il riesame, effettuato ogni tre anni, non basta però a generare risparmi nella misura auspicata. Per ottenerli è necessario effettuare un adeguamento dei prezzi con cadenza annuale. Il diritto di ricorso proposto da santésuisse in tema di obbligo di rimborsare i medicamenti da parte dell’assicurazione malattie non ha trovato purtroppo considerazione.


31.01.2017
Consultazione

Circolare FINMA „outsourcing – banche e assicuratori“

Per quanto concerne la nuova circolare FINMA, gli assicuratori malattia criticano in particolare la mancata distinzione delle regolamentazioni per l’outsourcing all’interno dei gruppi e outsourcing esterno. Inoltre la circolare impone agli assicuratori malattia un maggiore onere amministrativo a livello di attuazione e maggiori ostacoli nella definizione delle relazioni contrattuali con terzi senza l’apporto di alcun valore aggiunto.


16.01.2017
Consultazione

Modifica dell’ordinanza sulla medicina della procreazione (OMP)

santésuisse accoglie con favore l’adeguamento della OMP. La garanzia di qualità e sicurezza elevata nel campo della medicina della procreazione è in linea con le richieste politiche di santésuisse per un miglioramento delle cure e dell’assistenza medica di elevata qualità.


09.01.2017
Comunicato stampa

Una verità dei costi fumosa

santésuisse si oppone alla nuova definizione delle regioni di premio. Le proposte sono approssimative e in parte arbitrarie. Il risultato non porta a un finanziamento dell'assicurazione malattie più aderente ai costi. Anzi: in molti casi la verità dei costi verrà indebolita anziché rafforzata. santésuisse raccomanda di respingere questa proposta di riforma.


09.01.2017
Consultazione

Nuova ripartizione delle regioni di premio

santésuisse respinge la modifica dell’ordinanza, perché ritiene che non serva a migliorare la verità e la trasparenza dei costi. La ripartizione in regioni di premio deve continuare ad essere fatta a livello di Comuni.


03.02.2016
Comunicato stampa

spitalfinder.ch bietet die aktuellsten Qualitätsdaten

santésuisse und das Konsumentenforum betreiben jene Qualitätssicherung, die Patienten benötigen: Das vor zwei Monaten von santésuisse und vom Konsumentenforum kf lancierte umfassende Vergleichsportal zur Qualität der Schweizer Spitäler ist jetzt noch schneller – und es wird weiter ausgebaut: Neu zugänglich sind die aktuellsten Qualitätsdaten zur Patientenzufriedenheit und zu Wundinfekten. Gleichzeitig bietet das Portal Verbesserungen aufgrund des Feedbacks von Versicherten und Konsumenten. n'existe qu'en allemand


Persone di contatto