Razionamento con budget globali

Focus


01.12.2017

Trovare la quadratura del cerchio

Razionamento con budget globali

Limitare le spese con i budget globali non deve compromettere la qualità e provocare tempi d'attesa inaccettabili. Invece, è proprio quello che dobbiamo aspettarci a considerare le esperienze maturate all'estero. Le esperienze maturate in Svizzera non sono significative, perché riguardano soltanto il settore ospedaliero e si possono aggirare facilmente.

Molte delle misure che il gruppo di esperti internazionali ha proposto di recente al Consiglio federale per ridurre i costi vanno nella direzione giusta, ad esempio i medicamenti o la pianificazione sanitaria sovracantonale. Secondo l'UFSP un quinto delle prestazioni sanitarie in Svizzera sono inefficaci o inutili. La raccomandazione degli esperti più gravida di conseguenze per la popolazione, ossia lo stanziamento globale di bilancio per plafonare i costi, potrebbe ripercuotersi negativamente sui pazienti senza adeguate misura di tutela e potrebbe generare razionamento e medicina a due velocità al posto della tanto invocata efficienza.

Budget globali a scapito dei pazienti

Nei Paesi Bassi e in Germania, due paesi che hanno introdotto almeno in parte i budget globali, la misura non è servita a frenare i costi. Anzi, si temono pesanti effetti collaterali: le prestazioni vengono rimandate nel tempo oppure trasferite in ambiti senza plafonamento. Questo razionamento occulto indebolirà i diritti dei pazienti nell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. A farne le spese saranno in particolare i pazienti anziani, cronici e polipatologici.

Contatto