Comunicato stampa

21.02.2020

Decisioni della Commissione del Nazionale sull’autorizzazione dei medici

Occasione sprecata per chi paga i premi

Troppi medici costano troppo. Il prezzo del numero eccessivo di medici lo paga la popolazione sotto forma di premi troppo elevati e il paziente con trattamenti non sempre necessari. Perciò è importante trovare una soluzione più efficace in tema di autorizzazione dei medici. Dopo che il Consiglio degli Stati ha stemperato il progetto, anche la Commissione del Nazionale cede alle pressioni dei medici. Per chi paga i premi resta almeno una piccola speranza, ovvero che il diritto di ricorso concesso agli assicuratori permetterà di intervenire meglio in caso di offerta eccedentaria.

Se consideriamo la situazione complessiva, in Svizzera abbiamo un numero eccessivo di medici, specie nei centri urbani. I dati di raffronto ufficiali su scala internazionale rivelano che la Svizzera supera chiaramente la media degli Stati OCSE, e questo vale per tutte le categorie di medici. E dal momento che il settore della salute genera la propria domanda, ciò si ripercuote sulle tasche della popolazione: troppi medici costano troppo. Ogni nuovo studio medico costa in media oltre mezzo milione di franchi all'anno. A farsi carico dei costi di questa offerta eccedentaria e inadeguata sono innanzi tutto gli assicurati e in via indiretta – tramite le riduzioni dei premi – anche i contribuenti.

Nel 2018 il Nazionale aveva lanciato un segnale forte

Nel dicembre 2018 il Consiglio nazionale aveva dato un segnale forte con un progetto incisivo e anche in seguito ha insistito a lungo sui correttivi necessari da apportare alla vigente regolamentazione, assai lacunosa. Va comunque accolto con favore il fatto che in futuro gli assicuratori potranno usufruire del diritto di ricorso per chiedere al tribunale di giudicare una eventuale offerta eccedentaria.

Le pressioni esercitate dai medici sono state efficaci

La Commissione incaricata dell'esame preliminare del Nazionale ha ceduto alle fortissime pressioni esercitate dai medici: come già fatto dal Consiglio degli Stati, anche la Commissione del Nazionale rinuncia a imporre ai Cantoni di intervenire in modo vincolante nel caso in cui i costi sfuggano al controllo. I medici sono perciò riusciti a far prevalere i propri interessi in questo progetto:

Prima o poi il conto arriverà

Sarà interessante osservare come questa legge inconsistente si ripercuoterà sull'andamento dei costi nell'assicurazione contro le malattie. I Cantoni saranno perciò chiamati a far fronte alle loro responsabilità e intervenire in caso di un incremento eccessivo dei costi a scapito di chi paga i premi.

Contatto

Documenti


Ulteriori informazioni

In qualità di associazione di settore degli assicuratori malattia svizzeri, santésuisse promuove un sistema sanitario liberale, sociale ed economicamente sostenibile, che si caratterizza per la gestione efficiente dei mezzi e delle prestazioni sanitarie di elevata qualità a prezzi equi.